Equietica

“Dei due sentieri scelsi il meno battuto per non scoprire in punto di morte che non ero vissuto.

Leggere il cavallo e il suo branco: personalità e relazione, una costante ricerca di equilibrio che rende l’osservare questo animale un’esperienza sorprendentemente complessa.

La mia passione equestre è giovane, ma ha ridefinito la mia vita.
Ho iniziato ad approcciarmi a questo mondo con una prospettiva che non sentivo mia e che non mi soddisfaceva, quella dell’equitazione classica. Ad un certo punto del mio percorso ho voluto rimettere tutto in gioco, seguendo quell’esigenza avvertita fin da subito, che chiedeva risposte diverse da quelle già ottenute.
Ho cambiato così il mio tipo di sguardo, scoprendo l’approccio cognitivo-relazionale, e le risposte che cercavo le ho trovate mettendo in discussione le domande stesse. 

Attraverso questo sito porto avanti il mio progetto, occupandomi di ciò che davvero mi appassiona: la gestione etica del branco e della relazione con i cavalli. Proprio ora che sento di aver trovato la mia strada, so di essere immersa in un cammino senza tappe predefinite. Ogni qualvolta io senta di essere prossima ad una qualche misura di comprensione, mi accorgo di non conoscere abbastanza, e ne sono ben lieta. Non ho un metodo, una procedura standard di cui cadere vittima, precludendo così qualsivoglia cambiamento – che significa anche crescita, sviluppo, creatività.. un passo fuori dall’ordinario.

Così come il mio viaggio: iniziato puntando alla relazione come fine e mai come mezzo. Invece si è rivelata anche questo, perché la sua ricerca e la sua costruzione mi hanno portata a lavorare su sentimenti da tempo dimenticati: ho dovuto imparare a percepire lo sfondo attorno per mettere a fuoco me stessa, aprirmi alla soggetività dell’altro per distinguere la mia.

78b21f50-d7b5-490a-87cd-11470952537c

Percependo il mondo fuori ho riscoperto un mondo intero dentro di me.


Flavia Iafisco